• Pubblicata il
  • Autore: ALFONSO
  • Categoria: Racconti gay
NUDISTA E GAY - terza parte - Fosso Ghiaia (Ravenna) - Oristano Trasgressiva
  • Pubblicata il
  • Autore: ALFONSO
  • Categoria: Racconti gay

NUDISTA E GAY - terza parte - Fosso Ghiaia (Ravenna) - Oristano Trasgressiva

Finalmente avevo fatto sesso con un ragazzo eppure non ero molto soddisfatto di quella prima volta. Innanzitutto, lui era stato sempre zitto. Poi, anche dopo quel che era successo, se ne era andato senza dire una parola. Deluso, ho pensato al solito stronzo che, finita la gratificazione per la nuova conquista, magari si vergogna di quel che è accaduto. Infatti non l'ho più rivisto. Così ho ripreso il mio girovagare tra ragazzi e anziani nudi che si abbronzavano, grassi o scheletrici culi, fighe pelosissime o rasate. E ancora piccole o grandi mammelle in balìa della forza di gravità, uccelli e maroni per tutti i gusti che penzolavano tra le gambe di quelli che passeggiavano sul bagnasciuga.
Dopo un pomeriggio inutile, tornando a piedi verso il camping, pensavo a quanto fosse stupida la clandestinità e la promisquità che stavo vivendo. Considerando anche il rischio di malattie se il partner occasionale non accettava il preservativo, il tentativo di maturare la mia omosessualità in quel modo era davvero controproducente e pericoloso.
Mentre ero immerso in questi pensieri, ho visto che il caravan dei miei vicini tedeschi (etero) era scomparso. Al suo posto, una roulotte scassata trainata da una vecchia Fiat Uno altrettanto scassata.
Subito, un ragazzo nudo è sbucato dal nulla e mi ha salutato porgendomi la mano.
- Ciao! Mi chiamo Ettore e sono di Pescara... felice di conoscerti!
Era esattamente il contrario del gay che cercavo. Basso, peloso e panciuto, cazzo normale, poteva avere dai 20 ai 60 anni! Dato il mio cattivo umore, ho risposto con freddezza.
- Buonasera... ehm... io sono Alfonso e vengo da Ferrara. Mi scusi, ma sono davvero stanco...
- No problem... scusa l'intrusione...
Dopo una doccia veloce nel bagno pubblico, sono rimasto a rimuginare da solo. Faceva un caldo boia e non erano ancora le 8 di sera, quando ho comprato una pizza da asporto, una scatola di trebbiano da un litro e mi sono appartato sulla spiaggia libera vicino alla foce del fiume Bevano. Guardavo il mare, mangiavo e tracannavo il vino a collo. Poi la mia attenzione è stata catturata da una coppia di ragazzi che, malgrado l'ora, facevano il bagno nudi e limonavano fra di loro. C'era ancora abbastanza luce, io li vedevo e loro vedevano me, ma se ne fregavano altamente. Usciti dal mare, hanno raggiunto la loro tenda, si sono asciugati e hanno continuato ad amoreggiare accendendo una lanterna a gas e lasciando aperta la tenda che, guarda caso, era rivolta proprio verso di me. Uno si è disteso su un sacco a pelo e l'altro gli ha fatto un pompino strepitoso. Poi, appena il primo ha sborrato, si è alzato, si è messo a cagnolino, ha iniziato a spompinare il compagno piegato sulle ginocchia e a mostrare il suo culo nella mia direzione. Sembrava lo facessero apposta!

CONTINUA

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati